Oltre quella porta

Da Wikidyd.

Jump to: navigation, search
Enlarge
Oltre quella porta
Albo n. 228 (Settembre 2005)
Soggetto: Paola Barbato
Sceneggiatura: Paola Barbato
Disegni: Luigi Piccatto
Lettering: Ileana Colombo
Copertina: Angelo Stano
Navigazione
Albo precedente Albo successivo
Istinto omicida Il cielo può attendere

Contents

« Sì, sì, lo so chi siete. Volete farmi perdere altro tempo, o preferite che salvi la vita in pericolo oltre quella porta? »
(Il professore, pag. 15)


Oltre quella porta è la *** storia scritta da Paola Barbato apparsa sulla serie regolare (*** della sua intera produzione). È anche la *** storia disegnata da Luigi Piccatto per la serie regolare (*** della sua intera produzione). *** collaborazione Barbato/Piccatto.

Trama

Dylan Dog, per la prima volta in vita sua, è costretto all'inazione: mentre una persona a lui molto vicina rischia la vita, non può fare altro che aspettare, nella sala d'aspetto di un ospedale, sperando solo che l'operazione vada a buon termine. Con lui le altre persone importanti della sua vita, a confortarlo e ricordare chi in sala operatoria è sospeso in un limbo fra la vita e la morte.

Personaggi principali

  • Dylan Dog: indagatore dell'incubo
  • Groucho: assistente di Dylan Dog
  • Bloch: ispettore di Scotland Yard
  • Xabaras: scienziato in grado di riportare in vita i morti
  • La donna di Dylan: ex fidanzata di Dylan
  • Il professore: medico chirurgo

Grouchate

  1. Sono così triste che se passassi di fianco a un funerale, la gente seguirebbe me
  2. "Ho talmente pochi ammiratori che ogni volta che ne incontro uno mi faccio fare un autografo". "Ed è esattamente quel che mi serve...". "Farmi un autografo? aspetta che vedo se ho un assegno...".
  3. Non è stata colpa tua, non attribuirti meriti che non hai
  4. Sarei il colmo come fantasma, ho spirito da vendere!
  5. "Non fate un passo". "Non passo, non passo... ma posso cambiare due carte? Mi farebbero comodo un paio di donne". "Groucho!". "Ok, non cambio, tanto lo so che mi capiterebbe il solito due di picche".
  6. Una natura morta sarebbe più vivace.
  7. Ricordo che dissi a mio padre: "Papà, ho una crisi d'identità" e lui: "Smettetela di darmi del tu e presentatevi".
  8. Quando ero piccolo i miei genitori litigavano dalla mattina alla sera. Fino a 7 anni sono stato convinto di chiamarmi "tuo figlio".
  9. Quando qualcuno diveva "erano tre o quattro", "o quattro" ero io.
  10. "Dimmi chi sei, Groucho". "Non devo prima dire con chi vado?".
  11. Bof, noi artisti lavoriamo una sera qua e una sera là... praticamente due sere l'anno.
  12. Il denaro non ti dà la felicita, ma ti fa essere infelice in posti meravigliosi.
  13. Personalmente diffido di due categorie di persone: quelle che non hanno personalità, e quelle che ne hanno più di una.
  14. In questo posto, prima di respirare l'aria, dovremmo bollirla!
  15. Quanto staremmo bene qui se fossimo altrove...
  16. "Quanto tempo è passato?". "Dall'ultima volta che me l'hai chiesto? Tre secondi".
  17. "Giuda ballerino, se c'è una sola cosa che non sono capace di fare, è aspettare!". "Se vuoi io comincio a elencare tutte le altre...".
  18. "È un mese che sto seguendo una nuova dieta". "E come mai non l'avete ancora raggiunta?".
  19. Credo nella reincarnazione. Nel testamento mi sono nominato unico erede.
  20. Un uomo senza donna è come un fianco senza spina.
  21. "Hai bisogno di sostegno? Tanto con Dylan sono abituato a reggere il moccolo!". "Questa statua... parla! Ops! Sto scivolando!". "Me ne fregio, come dissi al mio decoratore!".

Citazioni

  1. La didascalia che apre l'albo è una citazione del romanzo Misery, di Stephen King
  2. La donna di Dylan è già comparsa nello speciale 'Il treno dei dannati', e rappresenta la donna ideale di Dylan Dog.

Curiosità

  • Le didascalie della tavola conclusiva sono state riscritte dalla redazione per rendere più esplicito il finale. I testi originali sono stati poi pubblicati sulla ristampa.
  • L'identità del paziente misterioso non viene mai svelata esplicitamente, ma parecchi indizi e l'esplicitamento contenuto nella conclusione scritta dalla redazione indicano che sia l'autrice della storia, Paola Barbato in persona.

Risorse

Scheda della storia sul sito della Sergio Bonelli Editore

Discussione riguardante la storia sul forum di Cravenroad7.it

Annotazioni sulla storia su uBCfumetti.com

Personal tools