Le notti della luna piena

Da Wikidyd.

Jump to: navigation, search
Enlarge
Le notti della luna piena
Albo n. 3 (Dicembre 1986)
Soggetto: Tiziano Sclavi
Sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni: Montanari & Grassani
Lettering: Carmen Bioletto
Copertina: Claudio Villa
Navigazione
Albo precedente Albo successivo
Jack lo squartatore Il fantasma di Anna Never

Contents

« Sei un privilegiato, uomo... tu hai visto ciò che nessuno, nel ventesimo secolo, lontanamente immagina... hai visto un incantesimo»
(Helga Blucher, pag. 68)


Le notti della luna piena è la 3a storia scritta da Tiziano Sclavi apparsa sulla serie regolare (3a della sua intera produzione). È anche la 1a storia disegnata da Montanari & Grassani per la serie regolare (1a della loro intera produzione). 1a collaborazione Sclavi/Montanari & Grassani.

Trama

Dylan Dog viene assunto per ritrovare Mary Ann Price, ragazza scomparsa misteriosamente da un collegio tedesco mesi addietro. Arrivato sul posto, alle soglie della Foresta Nera, Dylan scopre che la sparizione di Mary Ann non è l'unico strano avvenimento che funesta il villaggio di Wolfburg: alcuni uomini nudi, gli "stranieri", si aggirano nella foresta seminando paura e morte fra gli abitanti del luogo. Inoltre il sospetto che il collegio e le sue direttrici, le sorelle Blucher, celino delle verità occulte spingerà l'indagatore dell'incubo a far maggiore chiarezza su un caso molto più complesso e pericoloso del previsto.

Personaggi principali

  • Dylan Dog: indagatore dell'incubo
  • Groucho: assistente di Dylan Dog
  • Helga Blucher: direttrice di un collegio femminile
  • Edda Blucher: sorella di Helga
  • Rudy: gestore della locanda Lupo Nero
  • Mary Ann Price: collegiale scomparsa
  • Otto: ragazzo con problemi di ritardo mentale, aiutante nei lavori del collegio
  • Alexandra: collegiale
  • Commissario Durrenmatt: incaricato dell'inchiesta sulla scomparsa di Mary Ann

Grouchate

  1. Non c'è tanta differenza tra Londra e la Foresta Nera... in tutti e due i posti piove, le strade sono pessime e di notte c'è buio.
  2. Qual è il colmo per un cimitero? Essere chiuso per lutto.
  3. Un tedesco impara l'inglese e dice [toccandosi la testa]: "Io sa inglese! Io ha imparato milletrecentoventiquattro parole! Tutte qua in mio sedere!".
  4. Ci sono un italiano, un francese, un inglese e un tedesco, e tutti e quattro devono essere ghigliottinati... Per primo sale sul palco l'italiano, e come ultimo desiderio chiede di avere il viso rivolto verso l'alto, cioè verso la lama che cade... Gli italiani sono sempre un po' melodrammatici... Beh, esaudiscono il suo desiderio: gli mettono il collo tra i ceppi, il boia lascia andare la lama e... TAK! La lama si ferma a due centimetri dal collo! Se la ghigliottina fa cilecca, per tre volte, il condannato viene graziato... Allora il boia la esamina ben bene, ci mette un po' d'olio e ripete l'esecuzione... TAK! Niente da fare... La terza volta, idem, e l'italiano viene graziato. Sale sul palco il francese e, sperando che anche a lui porti fortuna, esprime lo stesso desiderio, di avere il viso rivolto verso l'alto... TAK, TAK e TAK! Anche lui graziato. E la cosa si ripete identica per l'inglese... Il boia quasi si mette a piangere... Prima che anche il tedesco salga sul palco, la ghigliottina viene completamente smontata e revisionata... Niente: il mancato funzionamento risulta incomprensibile... Alla fine, il tedesco viene fatto... ehm... accomodare, e siccome ormai ci ha fatto l'abitudine, il boia mette pure lui con il viso rivolto in alto. La lama cade la prima volta... TAK! La seconda... TAK! Il boia è sull'orlo del suicidio... Tira su la lama senza più nessuna speranza... Ma prima che possa farla cadere per l'ultima volta il tedesco esclama: "Ah! Io ha trovato guasto!".

Citazioni

  1. Pag. 39 - vignetta 3: L'uomo lupo (1941), film di George Waggner con Lon Chaney Jr. e Bela Lugosi.
  2. Pag. 44 - vignetta 2: Barbablù (1697), fiaba trascritta da Charles Perrault nella raccolta I racconti di Mamma Oca.
  3. Pag. 54 - vignetta 3: Dylan Dog n. 2, Jack lo squartatore.

Curiosità

  • A pagina 8, vignetta 6, Dylan dichiara di avere paura degli aerei.
  • A pagina 27, vignetta 3, Groucho dichiara di aver fatto l'attore in passato.
  • A pagina 31, vignetta 4, Groucho dichiara che Dylan possiede una giacca di Armani.
  • A pagina 39, vignetta 4, Dylan beve un boccale di birra.
  • A pagina 75, vignetta 4, Groucho dichiara di non avere la patente.
  • Il cognome delle sorelle Blucher rimanda al personaggio di Frau Blucher, interpretato dall'attrice Cloris Leachman in Frankenstein Junior (1974), film di Mel Brooks; inoltre il cognome e le sembianze del commissario Durrenmatt rimandano allo scrittore svizzero Friedrich Dürrenmatt.
  • A distanza di circa sei anni dalla pubblicazione de Le notti della luna piena, Sclavi e Marcheselli realizzano una prosecuzione della vicenda: L'ultimo plenilunio, Dylan Dog n. 72.
  • Altre storie collegate a questa: Cagliostro!, Dylan Dog n. 18.

Risorse

Scheda della storia sul sito della Sergio Bonelli Editore

Discussione riguardante la storia sul forum di Cravenroad7.it

Analisi critica della storia su uBCfumetti.com

Personal tools