L'ultimo plenilunio

Da Wikidyd.

Jump to: navigation, search
Enlarge
L'ultimo plenilunio
Albo n. 72 (Settembre 1992)
Soggetto: Mauro Marcheselli
Sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni: Montanari & Grassani
Lettering: Piero Ravaioli
Copertina: Angelo Stano
Navigazione
Albo precedente Albo successivo
I delitti della mantide Armageddon!

Contents

« Ti amo! E sai perché?... Sei una ragazzina viziata, ignorante, prepotente, supponente, finta matta e vera cretina! In altre parole, il genere di donna che dovrei fuggire come la peste se fossi furbo! Ed ecco perché ti amo: perché non sono furbo! »
(Dylan Dog, pagg. 36-37)


L'ultimo plenilunio è la *** storia scritta da Tiziano Sclavi apparsa sulla serie regolare (*** della sua intera produzione). È anche la *** storia disegnata da Montanari & Grassani per la serie regolare (*** della loro intera produzione). *** collaborazione Sclavi/Montanari & Grassani.

Il soggetto è di Mauro Marcheselli: per la serie regolare ( della sua intera produzione). 1a collaborazione Marcheselli/Sclavi ai testi.

Trama

Ritorna l'incubo delle notti della luna piena, ma questa volta lo scenario per orrendi omicidi e strane sparizioni non è la Foresta Nera, bensì Londra. Un lupo assetato di sangue si aggira per Hyde Park, seppellendo fra gli alberi le vittime di cui si ciba, e il ricordo di Dylan Dog non può non tornare a Mary Ann e agli esperimenti occulti delle sorelle Blucher... Le strade della ragazza salvata in Germania e dell'indagatore dell'incubo si incrociano nuovamente: entrambe conducono al figlio di Mary Ann, abbandonato nella foresta tedesca e allevato dai lupi, ma la verità potrebbe risiedere altrove ed essere molto più terrificante del previsto.

Personaggi principali

  • Dylan Dog: indagatore dell'incubo
  • Groucho: assistente di Dylan Dog
  • Bloch: ispettore di Scotland Yard
  • Mary Ann Price: vittima degli esperimenti di Helga Blucher ai tempi de Le notti della luna piena
  • Caspar Price: figlio di Mary Ann Price
  • Dea Benton: attivista per i diritti degli animali, amica di Dylan Dog

Grouchate

    • "A che cosa stai pensando, cara?"
    • "A niente."
    • "Ma non è possibile non pensare a niente!"
    • "Come no! Stavo pensando a te!"
  1. [Rivolto a Dylan] Peccato che sei astemio, altrimenti un bicchiere di vino ti farebbe bene: "Finché c'è vite c'è speranza". O anche "Meglio tarli che mai", come diceva un antiquario. Perché non le scrivi una lettera d'amore? Magari te la respinge al mittente, ma si sa, "Non c'è prosa senza spine".
  2. Hai commesso un'infinità di errori, e ciò ti permetterà di compierne molti altri.
    • "Mamma, cos'ha quella signora nel pancione?"
    • "Ha il suo bambino, al quale vuole tanto bene!"
    • "E allora perché se l'è mangiato?"
  3. Il capo sa quel che fa! È che a volte fa quello che non sa, tutto qui!
  4. Se è morto ha finito di soffrire, come si dice... anche se non ho mai capito perché non è sufficiente un optalidon, o qualcosa del genere!
  5. Guarda dove metti i piedi... e ricordatelo, così poi vieni a riprenderteli!
  6. Le donne vogliono sempre avere l'ultima parola, oltre a tutte le altre!
  7. Volete un consiglio? Non sposatevi mai. Sto parlando tra me e me, naturalmente, e siccome ci conosciamo poco mi do del voi.

Citazioni

  1. Pag. 21 - vignette 4/5: Werewolves of London (1978), canzone di Warren Zevon.
  2. Pag. 22 - vignetta 4: Dylan Dog n. 3, Le notti della luna piena.
  3. Pag. 58 - vignetta 2: Un lupo mannaro americano a Londra (1981), film di John Landis.
  4. Pag. 59 - vignetta 5: viene citato il religioso Francesco d'Assisi.

Curiosità

  • Questa storia è una prosecuzione della vicenda narrata in: Le notti della luna piena, Dylan Dog n. 3.
  • A pagina 31, vignetta 1, Bloch dichiara che il sangue gli fa impressione.
  • A pagina 47, vignetta 1, si vede un manifesto recante la scritta Freddy forever e raffigurante Freddy Krueger, protagonista della saga di film horror Nightmare.
  • A pagina 53, vignetta 6, Caspar Price accenna alla fotofobia (tema richiamato anche nell'albo n. 167, Medusa). Per approfondire l'argomento si rimanda alla pagina di Wikipedia dedicatagli.
  • A pagina 67, vignetta 6, Dylan dice di essere "commosso! Nel senso della commozione cerebrale!". La medesima battuta è stata pronunciata da Groucho nell'albo n. 3, Le notti della luna piena, a pagina 51, vignetta 2.
  • A pagina 4, nella rubrica La vetrina di Dylan Dog, si rende noto che: "[...] Il regista Alberto Negrin ("Il segreto del Sahara") sta lavorando alle sceneggiature dei primi dodici telefilm dell' "Indagatore dell'incubo", prodotti da Raiuno (ma l'operazione avrà tempi lunghi, dovrete pazientare)." L'operazione, di fatto, ha avuto tempi talmente lunghi che il telefilm sull'indagatore dell'incubo non è mai stato portato a compimento.

Risorse

Scheda della storia sul sito della Sergio Bonelli Editore

Discussione riguardante la storia sul forum di Cravenroad7.it

Annotazioni sulla storia su uBCfumetti.com

Personal tools