Il marchio rosso

Da Wikidyd.

Jump to: navigation, search
Enlarge
Il marchio rosso
Albo n. 52 (Gennaio 1991)
Soggetto: Tiziano Sclavi
Sceneggiatura: Tiziano Sclavi
Disegni: Gianluigi Coppola
Lettering: Piero Ravaioli
Copertina: Angelo Stano
Navigazione
Albo precedente Albo successivo
Il male La regina delle tenebre

Contents

« "Loro uccidevano prostitute... le vittime del Marchio Rosso erano vittime dell'alta società". "C'è differenza?" »
(Bloch e Dylan, pag. 17)


Il marchio rosso è la *** storia scritta da Tiziano Sclavi apparsa sulla serie regolare (*** della sua intera produzione). È anche la *** storia disegnata da Gianluigi Coppola per la serie regolare (*** della sua intera produzione). *** collaborazione Sclavi/Coppola.

Trama

"W", il marchio rosso è la firma di un pluriomicida che uccide persone di alto bordo. La polizia indaga e condanna Yuri Wolkoff all'ergastolo. Ma dopo il suo suicidio in carcere, il fantasma del marchio rosso torna a mietere vittime.

Personaggi principali

  • Dylan Dog: indagatore dell'incubo
  • Bloch: capo di Scotland Yard
  • Groucho: assistente di Dylan Dog
  • Yuri Wolkoff: omicida
  • Herbert Deming: testimone
  • jenkins: assistente di Bloch
  • Joyce Webber: cliente
  • Delia: figlia di Joyce
  • Stuart: maggiordome di Joyce e Delia
  • Hans: energumeno
  • Scaricatori di porto
  • Robert Conley: testimone
  • Elisabeth Greerson: vittima
  • Matt Quayle: testimone
  • Greta Quayle: vittima

Grouchate

  1. Aspettavi qualcuno? Non sapevo che lo conoscessi anche tu. Allora abbiamo un amico in comune: infatti lavora in municipio.
  2. (Parlando dello stereo). Non ti sembra un volume un tantino esagerato? Saranno almeno diciotto metri cubi...
  3. Questa signora si chiama Joye Webber, vuole assumerti per il caso del "Marchio Rosso" e io l'amo. Bisogna sempre amare il nostro prossimo, perché gli altri sono troppo lontani.
  4. Ricordo quando da piccolo chiesi a mio padre di andare al circo e lui rispose: "No, se vogliono vederti vengono a casa!".
  5. E comunque la proposta oscena era semplicemente se voleva il tè... prima o dopo me.
  6. Mi rubate le battute di bocca? Non vi fanno schifo, tutte bagnate di saliva?
  7. Ho letto l'altro giorno che uno psichiatra consiglia di smettere di pensare tanto per evitare la depressione... è una cosa che dà da pensare, vero?
  8. A proposito, mi viene in mente la mia vecchia nonna malata che pregava sempre: "Oh, signore, fate morire i miei parenti che sono così stanchi di vedermi soffrire!".

Citazioni

  1. Pag 17. Dylan cita le proprie avventure in Jack lo squartatore e Memorie dall'invisibile.
  2. Pag.20. "He's waling like a dead man. Children of the damned. Children of the damned. You're children of the damned. Your back's against the wall. You're burnin' in the night". Testo di Children of the damned degli Iron Maiden.
  3. Pag.72. Si vede il libro Phantasm of the living di Edmund Gurney. Il titolo originale però è Phantasms, al plurale.

Curiosità

Risorse

Scheda della storia sul sito della Sergio Bonelli Editore

Discussione riguardante la storia sul forum di Cravenroad7.it

Personal tools