Andrea Cavaletto

Da Wikidyd.

Jump to: navigation, search
Andrea Cavaletto
Andrea Cavaletto

Contents

Andrea Cavaletto (Castellamonte, 23 luglio 1976) è uno sceneggiatore, disegnatore di fumetti, illustratore e graphic designer italiano. La passione per il genere horror è una costante che attraversa le sue numerose collaborazioni sia italiane sia estere, che spaziano dal cinema al fumetto, a progetti grafici editoriali. Presso lo IED di Torino (Istituto Europeo di Design) ha conseguito un diploma in Grafica e Pubblicità e, sotto la guida di Massimiliano Frezzato, ha frequentato un corso di specializzazione in fumetto e illustrazione editoriale. Dal 2010 fa parte degli sceneggiatori di Dylan Dog.


Biografia

L'interesse verso le atmosfere gotiche, cupe e malsane che permeano l'intera produzione dell'autore va rintracciato in alcuni ricordi dell'età infantile:

"Mi ricordo che ho visto Profondo rosso a 6 anni, con mia mamma che mi copriva gli occhi nelle scene forti, ma riuscivo a sbirciare e mi piaceva tutto quel sangue!!! E così sono cresciuto tra fumetti splatter e film horror. Ricordo per esempio che i primi due libri che ho letto a scuola sono stati Infernalia di Barker e L'ombra dello scorpione di King, mentre i miei compagni leggevano ciò che passava la scuola, da L'ultimo dei Mohicani a I promessi sposi."

Queste prime esperienze fanno sì che, nel bagaglio formativo di Cavaletto, il fascino esercitato dalle arti visive e dalla narrazione per immagini si intrecci indissolubilmente alle tematiche dell'horror.

Dal 1998 Cavaletto collabora con l'azienda Seven S.p.A. in qualità di graphic designer, ma muove i primi passi nel mondo dell'illustrazione già a partire dal 1995, pubblicando alcuni lavori in bianco e nero sulla rivista GdR Rune. L'esordio come autore di fumetti risale al 1998, con la creazione di Grind per la rivista di cultura e spettacolo Look out, ma la piena maturità artistica viene raggiunta nel 1999 con l'uscita di Ground per la Madden Comics: un'antologia in due volumi di storie brevi sceneggiate interamente da Cavaletto e disegnate da giovani esordienti. Ancora per i tipi della Madden Comics, nel 2001, esce il volume Vendetta, che vede Cavaletto affiancato ai testi da Luciano Urietti.

La prima prova come autore completo (testi/disegni) è del 2006: si tratta della storia breve Né luce, né vento, né ombra, nulla..., pubblicata nell'antologica Lucio Fulci, poeta del macabro della Nicola Pesce Editore. Nel 2007 questa storia diventa anche un cortometraggio, The projectionist, diretto da Roberto Loiacono e sceneggiato da Cavaletto insieme a Francesco Cortonesi.

Il 2007 è inoltre un anno di intensa ed eterogenea attività: viene realizzata la trasposizione fumettistica di Holy murder masquerade, concept album del gruppo musicale svedese Impious (testi corrispondenti alle canzoni contenute nel disco e disegni di Cavaletto); vede la luce il primo progetto portato avanti per la Neftasia Editore, La farfalla con le ali bagnate, storia ispirata da un racconto dell'enigmatico scrittore scozzese Hellery Brown (adattamento del testo di Theo Campanelli, disegni di Cavaletto e copertina di Gabriele Dell'Otto); Magnetica Edizioni pubblica l'antologia di racconti L'orrore dietro l'angolo, alla quale partecipa anche Cavaletto con Il pasto della lumaca. Nello stesso anno viene pubblicato per il mercato statunitense e in edizione limitata The Worldhouse (presentato al San Diego Comic-Con 2007), prima opera interamente curata dall'autore.

Gli impegni del 2008 avvicinano maggiormente Cavaletto al cinema, con la realizzazione di due sceneggiature per il grande schermo. La prima è quella di Hellequin, secondo cortometraggio di Roberto Loiacono tratto da una storia breve dell'autore (pubblicata nel 2007 sul secondo volume dell'antologica Monstars, per Nicola Pesce Editore), mentre la seconda segna l'inizio della cooperazione con la casa di produzione cilena Vallastudio Films: si tratta del lavoro per il lungometraggio Dirty Love, film a episodi di Patricio Valladares il cui primo segmento, Eat me tender, è stato tratto anch'esso da una storia breve dell'autore. Nello stesso anno si rinsaldano i rapporti con Gabriele Dell'Otto, Nicola Pesce Editore e Neftasia Editore: per Monstars 3 vengono proposte due sceneggiature, disegnate da Dell'Otto e da Alberto Dal Lago, e ancora per Nicola Pesce Cavaletto cura l'edizione italiana (di cui è anche copertinista, oltre che uno dei disegnatori e degli sceneggiatori) di un originale progetto cileno di Patricio Valladares, l'antologico El Italiano; per Neftasia viene dato alle stampe La porta nel buio, seconda trasposizione a fumetti di un racconto di Hellery Brown (ancora una volta per i disegni di Cavaletto, che per l'occasione ha anche contribuito in fase di sceneggiatura).

Il 2009 segna l'apertura a nuovi editori e a nuove iniziative internazionali. Sangue di tenebra, per i tipi della Cagliostro E-Press, raccoglie cinque storie scritte dall'autore e illustrate da cinque diversi disegnatori; c'è l'approdo alla Absoluteblack con l'albo Pornofagia (testi di Cavaletto, tavole di Simone Delladio) e con la storia "muta" Questo nostro profondo amore, per la rivista antologica Vampiri (su disegni di Rom, già copertinista del volume); va in porto, con le Edizioni BD, Dibbuk, opera affidata alle matite di Luca Maresca (e presentata al Napoli Comicon 2010); infine viene conclusa la prima sceneggiatura per Dylan Dog, che sancisce l'ingresso alla Sergio Bonelli Editore: L'armata di pietra (inizialmente titolata Il popolo delle nebbie), pubblicata sul Maxi Dylan Dog 2010. L'anno si chiude con la partecipazione al progetto artistico multimediale Night Of The Living Dead REANIMATED (NOTLDR), un rifacimento animato del cult movie romeriano che ha coinvolto circa 500 artisti da tutto il mondo.

Attualmente prosegue il sodalizio con la cinematografia (soprattutto per opere di Valladares di prossima uscita), con Dell'Otto e, ovviamente, con Dylan Dog.


Titoli e riconoscimenti

  • 2007: Premio Scheletri 2007 per il racconto Il pasto della lumaca.
  • 2008: Premio come miglior film e miglior sceneggiatura per il cortometraggio Il proiezionista al THE REIGN OF HORROR Short Movie Forum Award.
  • 2008: Premio Angela per il cortometraggio Hellequin al PesarHorrorFest.
  • 2009: Premio letterario nazionale Città di Trieste per la miglior opera cinematografica inedita con il soggetto de Il tuono e la lunga notte.
  • 2009: Menzione speciale per il film Dirty Love al TOHorror Film Fest.
  • 2009: Selezione ufficiale del film Dirty Love al Sitges Film Festival.


Albi sceneggiati

Albi mensili

Extra mensili e fuori serie


Risorse

Personal tools