Il post di giugno 2012 – L’autopsia

Mentre là fuori inizia l’estate, sul forum non si nota la differenza: le discussioni dylaniate, su storie più o meno recenti sono sempre caldissime, in virtù della grande passione per Dylan che accomuna tutti i nostri forumisti, al di là delle diverse preferenze sulle storie e sui diversi autori. E’ proprio da questa pozza di entusiasmo che andiamo a pescare anche questo mese il post che ha saputo esporre al meglio le proprie idee.

Come da titolo, anche questo mese il post prescelto proviene dal mensile inedito, cioè da L’autopsia, albo ad opera del duo Gualdoni e Saudelli, alla prima collaborazione.

Dopo che il mese scorso è stato premiata una neoiscritta, stavolta a venire premiato è un veterano del forum, che addirittura  è alla seconda vittoria:

Stiamo parlando di…

Fantaman

Come al solito, il post vincente è riportato integralmente di seguito:

C’è fantasia nell’approccio iniziale di Gualdoni, ma anche tanta retorica. Due ingredienti che sembrano bilanciarsi in modo accettabile. Il lungo divenire della storia sembra seminare indizi inequivocabili (a dire la verità, si inizia già dal titolo) sull’identità dell’assassino di turno, mentre il finale vero e proprio sembra già usato ma comunque d’effetto. 
L’uso dei personaggi non è dei migliori. Dylan è in parte, ma la retorica che permea l’albo si trasferisce quasi per osmosi a lui ed ai suoi compagni, i soliti relegati ad essere poco più che comparse (Groucho) o sopra le righe (Bloch), mentre le donne di giornata, pur se non brillanti per originalità, hanno il loro perchè per solidità della caratterizzazione, specie nella fragilità di Meg e l’assassino, pur se di identità manifesta nonostante la maschera, regala momenti interessanti nei lunghi dialoghi (anche se spesso usati in forma di spiegoni) con le proprie vittime.
I disegni di Saudelli sono probabilmente troppo tendenti al grottesco per essere efficaci in una storia come questa: il tratto, a volte caricato e deforme dei vari personaggi, non rende al meglio il pathos che l’albo invece dovrebbe sprigionare. 
La copertina di Stano, invece, è minimale e ben realizzata, anche se manca il “quid” che potrebbe elevarla a causa di una computer grafica che con il colore rende tutto troppo uniforme.

Il tutto in voti risulta: 

SOGGETTO: 6,5
SCENEGGIATURA: 6
DISEGNI: 6
COPERTINA: 6.5

Accettabile in media.

TAGS: , ,

3 Comments

  1. Fantaman scrive:

    Miii, la mia seconda vittoria. Ci sto prendendo gusto!

  2. Imp scrive:

    alla terza verrai bannato!

  3. Fantaman scrive:

    Mi metterò d’impegno così finalmente potrò provare l’ebbrezza del ban.

Leave a Comment


Immagine CAPTCHA
*

Captcha: rispondi a questa semplice domanda *