Dylan Dog 25: il mito di una generazione

Questo è un anno ricco di eventi per il nostro Dylan. A venticinque anni dall’uscita del primo numero di Dylan Dog, L’alba dei morti viventi, avvenuta nel lontano 1986, il CFAP (Centro Fumetti Andrea Pazienza) ha organizzato una mostra dedicata al nostro indagatore dell’incubo.

Gran parte dei bozzetti esposti provengono dalla collezione privata di Marco Cortellazzi, che già da tempo, nel nostro forum, aveva espresso il desiderio di proporre al pubblico le opere che era riuscito a raccogliere nel corso degli anni e che con entusiasmo ha postato con tanto di invidia di tutti gli iscritti.

Come lo stesso Marco (alias Corte) ha rivelato, sempre nel nostro forum, le sezioni della mostra saranno tre: la prima propone materiale documentale che rivela alcuni retroscena della creazione di Dylan Dog, come le prove degli autori, le sceneggiature di Sclavi, le prime illustrazioni; la seconda sezione mostra in ordine cronologico le fasi salienti della storia del personaggio, attraverso una selezione di tavole originali; la terza sezione espone pubblicazioni, articoli di giornale, locandine, edizioni speciali, fanzines e merchandising che attestano l’interesse e la passione suscitati da Dylan Dog.

In occasione della mostra verranno prodotti un catalogo in formato A4 di 64 pagine (dal costo di 15,00 euro, ma soltanto di 10,00 se lo comprate sul luogo), la ristampa della sceneggiatura di Memorie dall’invisibile e la stampa di una nuova sceneggiatura: La casa degli uomini perduti. Inoltre ci saranno cartoline e gadgets.

Alcune tavole della collezione di Marco Cortellazzi le potete trovare navigando nel nostro forum:
http://www.cravenroad7.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=5122

La vera mostra invece si svolgerà a Cremona dall’8 al 29 maggio presso Santa Maria della Pietà, in piazza Giovanni XXIII.
È aperta tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Sito ufficiale:
http://www.dylandog25.it/

TAGS: , ,

0 Comments



You can be the first one to leave a comment.

Leave a Comment


Immagine CAPTCHA
*

Captcha: rispondi a questa semplice domanda *