Cravenroad7

Forum dylaniato
Oggi è lun ago 08, 2022 4:05 pm

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

#428 - Dove i sogni vanno a morire
Insufficiente (1-4) 44%  44%  [ 12 ]
Mediocre (5) 22%  22%  [ 6 ]
Accettabile (6) 15%  15%  [ 4 ]
Buono (7-8) 7%  7%  [ 2 ]
Ottimo (9-10) 11%  11%  [ 3 ]
Voti totali : 27
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: gio apr 21, 2022 12:18 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar ott 19, 2004 2:43 pm
Messaggi: 10508
Località: Sardegna
DOVE NASCONO LE IDEE? DOVE MUOIONO I SOGNI?


Immagine




DYLAN DOG
N° : 428

DOVE I SOGNI VANNO A MORIRE



Soggetto: Enna Bruno
Sceneggiatura: Enna Bruno
Disegni: Genovese Luca
Copertina: Cestaro Raul, Cestaro Gianluca


Dylan Dog si ritrova su una piattaforma nel Pacifico, costruita attorno ai resti di un’astronave precipitata, in seguito a una misteriosa missione. La nave è tornata sulla Terra sotto forma di un poliedro impossibile che emette un segnale puntato proprio verso il numero 7 di Craven Road, a Londra.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Per rendere il topic più consultabile da chi volesse avere pareri in anteprima, tutti i commenti relativi all'attesa dell'albo, fatti prima di avere comprato e letto l'albo, andranno spostati nei topic dell'area ANTICIPAZIONI in modo che, almeno le prime pagine, siano una serie abbastanza pulita di commenti.

Se qualcuno continua qua non è grave, ma sappia che dopo qualche tempo i suoi post saranno spostati senza preavviso.

Inoltre si ricorda a tutti di segnalare gli SPOILER, ove presenti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: sab apr 30, 2022 1:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab ago 21, 2010 7:28 pm
Messaggi: 563
Località: Twin Peaks
Boh...dove gli albi vanno a suicidarsi....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: sab apr 30, 2022 2:11 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio lug 28, 2005 10:13 am
Messaggi: 2390
Dove i miei sogni vanno a morire... In edicola!
Premetto che sono arrivata circa a metà e magari (ma anche no) diventerà un capolavoro da lì in avanti, questo albo proprio non mi piace.
Non solo non mi piace... Non mi interessa, che forse è peggio.
Metacose, metasupercazzole, ma soprattutto Dylan che viene interpellato per fare una cosa demenziale, per via del suo quinto senso e mezzo! Stuporissimo!
Se avesse il sesto senso completo allora figuriamoci, andrebbe direttamente nello spazio con Samantha Cristoforetti!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: sab apr 30, 2022 7:40 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab lug 05, 2014 12:48 pm
Messaggi: 23
Località: Golconda
A leggerla tutta, la sorpresa c'è, ma non è delle migliori. Singolare storia - brutta - concepita per criticare le storie brutte, o forse per criticare chi critica in modo distruttivo le storie brutte (o forse quelle che qualcuno ritiene brutte, mentre invece...). Sinceramente, non arrivo a capire. Verosimilmente, il mandato è di stupire a tutti i costi. Inevitabile, a quel punto, che gli esito siano per lo più bislacchi.

Enna è un meritevole sceneggiatore Disney, ma non mi è mai parso a suo agio con Dylan. In questo caso, poi, s'infila nel fastidioso filone del metafumetto (più propriamente, metaracconto) con scopi poco chiari; certo, non quelli di costruire una buona storia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: sab apr 30, 2022 8:44 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer gen 04, 2017 2:42 pm
Messaggi: 31
Solo una cosa: gli occhi a cuoricino! Giuda ball... anzi, no, perdindirindina!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: sab apr 30, 2022 10:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio lug 28, 2005 10:13 am
Messaggi: 2390
Gli occhi a cuoricino sono la cosa migliore della metà storia che ho letto.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: dom mag 01, 2022 12:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar ott 28, 2014 11:21 am
Messaggi: 112
Imbarazzante


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: dom mag 01, 2022 10:31 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab dic 28, 2013 7:16 pm
Messaggi: 2448
Località: Noland
Può seguire qualche S P O I L E R:

Votato mediocre. Deluso da Enna. Già uno legge Nolan nell'Horror Club e subito pensa a qualcosa di brillantemente cervellotico o ad una supercazzola. Qui è subito chiaro che siamo nel territorio del metafumetto, un marchio di fabbrica della gestione recchioniana. Fosse finito davvero il fumetto a pag. 89 ancora ancora, ma le ultime pagine sono proprio tediose e antipatiche, sembrano di un autore con sassolini da togliersi dalle scarpe e non mi pare molto il caso di Enna, qui spesso lodato, personalmente non ricordo di aver dato insufficienze ad altre sue storie.
Ma a parte questo in fondo di quest'albo le uniche sequenze che ho davvero apprezzato sono state l'incubo iniziale che si conclude con la donna dal viso alla Bacon e l'incontro tra Dylan e Guise. Pochino.

P.S.
Curiosamente quando la storia si interrompe e riprende a pag. 38 (al punto Nemo, quindi omaggio?) oltre la capigliatura il personaggio di Travel sfoggia anche un cappotto alla Nathan Never.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: dom mag 01, 2022 10:50 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio ago 20, 2009 12:26 pm
Messaggi: 6420
Località: Inverary 2.0
Aleksandr ha scritto:
P.S.
Curiosamente quando la storia si interrompe e riprende a pag. 38 (al punto Nemo, quindi omaggio?) oltre la capigliatura il personaggio di Travel sfoggia anche un cappotto alla Nathan Never.


Quello mi sembra un omaggio dichiarato, tra ciuffo e spolverino à la Nathan, confermato dal nome.
Anzi, per quasi 2/3 l'albo in sé sembra una sottospecie di scarto del Musone, ricombinato al BVZM, finito per qualche ragione meta-cosmica su DD. Non è nelle corde di Enna comunque, come genere, e si vede...

_________________
Io no capito, io no capito

(anta baka?! [...] kimochi warui)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: lun mag 02, 2022 12:31 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio ago 20, 2009 12:26 pm
Messaggi: 6420
Località: Inverary 2.0
Per Enna ho sempre avuto una sorta di predilezione conclamata, dichiarandolo a più riprese l'autore più affidabile di quelli rimasti in ambito dylaniato, e forse anche degno di dirigere in futuro tutto il baraccone visto l'individualismo di Bilotta e Ambrosini, i rifiuti della Barbato, e la non-riciclabilità del Chiave 8-) .

Ma qui la fa chiaramente fuori dal (suo) vaso, per metterci la testa dentro, nel vaso stesso, da notte.
Non è il suo genere rispetto all'horror classico, e si vede chiaramente. Fatica, arranca, gira a vuoto, ironizza ma solo per criticare tra i denti le aspettative dei lettori "critici", con la scusa del meta-rosicamento, che è una piaga ormai diffusa tra molti autori, ormai a corto d'idee... iperuranio compreso. Alcuni pezzi sembrano scritti proprio per ribattere quanto scriviamo qui sul forum o in luoghi simili tra consumatori (NON FAN, cercate di capirlo cari autori, c'avemo la media di 30 anni ciascuno. Non siamo NERD vintage) di DD.
Io non ho nulla in particolare contro la metanarrazione - per esempio m'era piaciuto parecchio un episodio su un CF recente molto pirandelliano in questo senso, secondo la dimensione del teatro nel teatro - ma se deve esser usata per metter le mani avanti onde prendere per il didietro, la rispedisco al mittente con una serie di infra-pernacchie alquanto meritate :? :? :? .

Il titolo mi faceva pensare qualcosa tipo Verso un mondo lontano, Quando cadono le stelle... con un pizzico di Zed per i mondi paralleli di astruse impossibilità...
... ma alla fine si rivela poco più che una vacua parabola bonaria à la Lago nel cielo con pretese fprzose di metafisica applicata al Nostro - meglio lasciarle al Conte queste cose - e sferzate sulle problematiche della scrittura creativa... che guardacaso già appestavano il numero scorso. Sembra come se gli autori lancino un grido (risentito) d'allarme contro i lettori stessi... perché in pratica nunjaaafanno ad arrivare a 94pp di sceneggiatura, in crisi compositiva prima che creativa :roll:

Con tutta la buona fede possibile alla fine comunque ho votato 6 (stentato) perché i disegni mi sono piaciuti parecchio, e non mi pare una roba così pesante, per quanto la parte conclusiva sia parecchio irritante, non tanto per il modus in cui è rappresentata quanto per la finalità, moooolto cringe.

Qualche dettaglio


S _ P _ O _ I _ L _ E _R



Comincio dal top, che per me sono i disegni di Genovesi, poco al risparmio nonostante il suo cognome :mrgreen:
Ha lavorato parecchio sulle figure geometriche, l'apparato tecnologico della base, etc senza caricare troppo il tratto. Oceano e pioggia quanto basta, forse qualche mascellone di troppo, o Dylan un po' troppo ringiovanito, ma alla fine la qualità è sempre molto alta, dettagli compresi.
Unici due appunti: alcuni urti/magnetismi all'interno della piattaforma non tanto si capiscono per come vengono resi, e poi... posso capire una sexy lady che s'infila prima le calze e poi la gonna, con/senza le mutande bypassate (pp.12-13)... ma Dylan che nelle stesse pagine s'infila i jeans smutandato la vedo dolorosetta come pratica, evirazione escludendo. Non oso immaginare un giro in bici a seguire, cavallo-masochismo a tutto trotto :tc: :tc: :tc:

Cestaros un po' più convincenti della loro (bassa) media, ma solo perché i toni fantastici fanno parte della storia, non perché loro c'entrino qualcosa con le ambientazioni cupe ed inquietanti di DD.


La storia vive di 3 tronconi in pratica: il rapimento (fino a p.33); la base Nemo sotto squasso (fino a p.65); l'incontro con Elon-azar Musk in dis-Guise (fino a p.98) che tttanto ci dirà sul versante del meta-racconto come concept.

La prima parte per quanto vista e stravista almeno incuriosisce. Il ritmo tiene, nonostante succeda poco, e mi dispiace contraddire la voce fuori campo metacommentante - che sarebbe del prof Travel che vediamo in chiusura? - ma la presenza di Eva c'azzecca eccome nella logica degli eventi, contrariamente alla riserve banalizzanti di p.28 e p.36 che la fanno passare per inserto inutile e macchinoso. La tizia non solo aggiunge un po' di pepe in più vederla tra i tecnici della piattaforma, ma mi sembra anche lo starter più probabile per il raggiro :| .

Sono lieto di dissentire a livello narrativo anche da quanto si mumbleggia a p.46 sul fatto che meglio far passare la convocazione di Dylan per la solita solfa collegata al suo sviluppato quinto senso e mezzo... piuttosto che ai sogni intercomunicanti che partono come stimoli dalla navicella sommersa. Anche qui la soluzione scelta è la più banale e meno suggestiva, non so se a detrimento (indiretto?) delle lezioni di Travel in chiusura, o perché deve predominare il (falso)concetto che più si appiattisce la forma del contenuto più quello si dilata con disinvoltura. Di certo verrei espulso nel giro di un quarto d'ora da un corso simile di scrittura per divergenze conclamate. Spero mi rimborsino la quota :g: .

L'intera faccenda dei rottami satellitari e della base oceanica mi è piaciuta, come ispirazione di base. Mi ricorda un paio d'albi citati sopra, senza metter in mezzo Goliath o quello sulla piovra gigante di De Nardo. Speravo anche in un'eco da Alfa&Omega con la scimmia imprigionata nella navetta durante un lungo viaggio galattico, ma così non fu.
Peccato, perché per come viene confezionata questa sezione sembra più consona ad un episodio di Martin Mystere e/o Nathan Never che del nostro non-troppo-Old-Boy. A questo contribuiscono soprattutto i disegni iper-tecnologici, il mad doctor visionario di turno, lo sconquasso da disaster-movie, e le geometrie impossibili venute da mondi lontani.Un fanta-mystery non proprio azzeccato in parole povere. In cui tra l'altro succede quasi nulla, tenuto conto che Travel non fa altro che dare spiegazioni di cui non è neanche troppo convinto, mentre Dylan deve solo calarsi passivamente nel modulo subacqueo fino al patatrac. Blub :o .

Sulla sezione finale poco da dire. Scadente e (s)caduta su se stessa. Proprio un "finalino", come detto dall'alunno di pagina 93.vi, c'è poco da girarci attorno. Fanalino di coda in zona retrocessione, tra le prove meno illuminate nella classifica di Enna.
Il racconto del cccenio Elon-azar Musk in dis-Guise è di una banalità disarmante, col suo lambiccarsi di astrattismi concettuali che non vogliono dire nulla... e che per darsi un tono di concretezza devono sbrodolare nel mielosismo più patetico, con la storia d'amore incompiuta nei secoli dei secoli multiversali.
Saccarosio minimalista e neoplatonismo posticcio sono due dei peggiori ingredienti se combinati assieme: segnatevelo, se non per un corso di scrittura creativa, almeno per uno di cucina venusiana.
Il tutto districato rapidamente con Dylan che lancia fulmini a destra e sinistra con la massima nonchalance onde consegnare una scatola metaforica ad un vecchina gallese. I postini di Maria de Filippi sono più convincenti :* .

Sulla ultime 9 pagine vorrei sorvolare.
Meglio il dolore di una piccola critica (p.95) o lo sguazzare in alibi confortevoli nel tentativo di prevenirla :?:
Capisco come sia difficile trovare idee nuove (p.96), ma se uno è più proteso a rincorrere la rivoluzione ellittica della propria coda di paglia tentando mordente, è più probabile che queste gli sfuggano verso altri pianeti, facendo roteare le balle meteoriche dei proprio compagni di viaggio cosmico :dito: :dito: :dito: .

_________________
Io no capito, io no capito

(anta baka?! [...] kimochi warui)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: lun mag 02, 2022 1:24 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 24, 2009 8:22 am
Messaggi: 1461
Località: cremona
https://www.youtube.com/watch?v=D2IsvLGZ6DI

_________________
ma se dal 2023 diventassi io il nuovo curatore di dyd?

IO SONO RKC E SONO FATTO DELLA STESSA MATERIA DI CUI SONO FATTI GLI INCUBI.......
IT BEGINS......08/09/2012

http://it.wikipedia.org/wiki/Sacello


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: lun mag 02, 2022 5:10 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 27, 2003 10:00 pm
Messaggi: 3713
Son d'accordo Con rkc, la horror post ormai è diventata una monotonia, sempre le stesse cose svogliate, film citati, musica consigliata. Ormai è un copia incolla e cambiano i titoli dei film e delle musiche.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: lun mag 02, 2022 8:37 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab ago 23, 2008 12:39 pm
Messaggi: 2122
Alla base credo che ci siano un vecchio romanzo pubblicato da Urania col titolo Opzioni e il recente sequel di Shining, dr Sleep.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: mar mag 03, 2022 6:23 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 29, 2019 12:06 pm
Messaggi: 1902
Località: WENETO
Albo incommentabile, per me.

SPOILER
SPOILER

TERZO albo consecutivo con la crisi creativa come argomento, SECONDO albo consecutivo in cui si parla di un corso di scrittura creativa.
Pensate soltanto all'emorragia di lettori che deve esserci, e loro decidono di pubblicare storie all'acqua di rose come questa.
Vi riporto solo un commento di mia figlia di 8 anni che leggendolo ha detto: "Non mi piace questa ragazza (parlando di Eva), preferisco Sybil". Ha già capito tutto!
Zero voglia di rileggerlo, che per me è quanto dire.

_________________
"You should be ashamed of yourself".
"I am. 24/7".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #428 - Dove i sogni vanno a morire
MessaggioInviato: mar mag 03, 2022 9:20 am 
Non connesso

Iscritto il: mer apr 17, 2013 11:22 am
Messaggi: 969
Località: Corbetta
Un albo pessimo.... ma proprio pessimo. E' dire che l'idea è anche carina se solo si fosse sviluppata un pò di più... l'idea di mettere su carta il processo per cui una storia viene inventata/modificata con tutti i dubbi che ne possono conseguire è molto carina. Però alla fine i dubbi sono stati solo 2 o 3 e in larga parte la storia raccontata è proprio brutta. Forse il pezzo migliore è quando in due pagine riassume il modo in cui Dylan può essere arrivato su quella astronave. Fosse stata un pò tutta così con diversi tentativi fino ad arrivare all'esaurimento dei dubbi dell'autore avrei potuto apprezzarla di più... così mah....

_________________
Il mio testamento dovrà contenere non ciò che voglio lasciare quando morirò ma ciò che voglio trovare quando tornerò.

Bergonzoni Alessandro


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it