Cravenroad7

Forum dylaniato
Oggi è gio ago 18, 2022 3:24 pm

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 110 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

#35/S - Una risata vi resusciterà
Insufficiente (1-4) 9%  9%  [ 3 ]
Mediocre (5) 3%  3%  [ 1 ]
Accettabile (6) 3%  3%  [ 1 ]
Buono (7-8) 20%  20%  [ 7 ]
Ottimo (9-10) 66%  66%  [ 23 ]
Voti totali : 35
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: dom set 12, 2021 10:33 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar ott 19, 2004 2:43 pm
Messaggi: 10509
Località: Sardegna
E perché hai scelto di raccontare proprio la storia di un bugiardo?” “Perché la menzogna è l’unico modo di sopravvivere alla realtà.


Immagine

Speciale Dylan Dog
N° : 35


Una risata vi resusciterà




Soggetto: Bilotta Alessandro
Sceneggiatura: Bilotta Alessandro
Disegni: Gerasi Sergio
Copertina: Mastrazzo Marco

Come ogni anno ritorna la dolente saga del Dylan Dog alternativo collocato nello scenario de Il Pianeta dei Morti. Questa volta tutto gira intorno alla disperata figura del cabarettista Waldo Wilkinson e delle sue innumerevoli vite.




-------------------------------------------------------------------------------------------------
Per rendere il topic più consultabile da chi volesse avere pareri in anteprima, tutti i commenti relativi all'attesa dell'albo, fatti prima di avere comprato e letto l'albo, andranno spostati nei topic dell'area ANTICIPAZIONI in modo che, almeno le prime pagine, siano una serie abbastanza pulita di commenti.

Se qualcuno continua qua non è grave, ma sappia che dopo qualche tempo i suoi post saranno spostati senza preavviso.

Inoltre si ricorda a tutti di segnalare gli SPOILER, ove presenti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: gio set 23, 2021 9:21 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio set 24, 2020 1:51 pm
Messaggi: 66
Ciao a tutti,
essendo il primo a scrivere non farò ancora una recensione completa, in quanto non voglio rovinarvi la lettura con qualche dettaglio di troppo.
Farò una recensione dettagliata i prossimi giorni.
Dico solo che questo albo meriterebbe un 11 per l'inventiva e il coraggio di Bilotta. Per me ha fatto colpo, laddove la Barbato c'era solo parzialemente riuscita col numero 200.
Infatti in questa storia si racconta del passato di due personaggi storici di Dylan Dog ossia
Spoiler!
Waldo Wilkinson prima di vivere perennemente nei panni di Groucho Marx e Vergerus prima di farsi chiamare Xabaras

La storia mi ha emozionato molto e soprattutto il monolgo di Waldo a pagina 138-139 merita davvero.
Bilotta ha una grande dote nel scrivere anche il passato dei personaggi Dylaniati e si vede il suo amore per le storie di Sclavi. Tutto è studiato minuziosamente per incastrarsi coerentemente a quanto raccontato da Sclavi negli anni '80 e '90 e il tutto viene arrichito con grande passione.
Per chi non lo sapesse è già stato dichiarato nell'introduzione del primo volume della ristampa della Saga del Pianeta dei Morti che questo è il futuro del Dylan Dog di Sclavi dei numeri 1-69 (più 7 storie speciali, 7 racconti brevi, 2 storie per almanacco e 2 racconti brevi di Groucho). Anche se in questa storia vengono fatti accenni ad altre 3 storie di Dylan Dog ovvero
Spoiler!
il numero 121, il numero 200 e il racconto breve di Bilotta "Le regole della comicità" contenuto nel Groucho Primo Color Fest.
Sarà ancora più dura aspettare un altro anno.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: gio set 23, 2021 4:35 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom giu 02, 2019 10:39 am
Messaggi: 1849
Località: Ἁρμαγεδών
Preso

_________________
Rollbacker di Wikipedia dal gennaio del 2021


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: gio set 23, 2021 6:15 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 18, 2005 12:15 pm
Messaggi: 12217
Località: Verona
L'albo è bellissimo, la solita meraviglia autunnale bilottiana. Ci sono però un paio di cosette che non mi hanno convinto del tutto (e che però, attenzione, non danneggiano la storia se non in meniera minima). Appena possibile ne parlerò (un po') più nel dettaglio.

_________________
È la mia opinione, e la condivido.

Ciao,
Teo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: gio set 23, 2021 7:48 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 24, 2009 8:22 am
Messaggi: 1462
Località: cremona
Emozionalmente e per come vivo io un certo personaggio questa storia andrebbe cancellata dal mondo dylaniato e dimenticata....oggettivamente ti incolla dalla prima all ultima pagina con dialoghi sublimi ed echi a mercurio poi e altre opere...ho voluto anticipare queste emozioni prima della video recensione in quanto non so se voglio strangolare Bilotta sul posto o consegnarli d ufficio la completa dirigenza di Dylan dog....

_________________
ma se dal 2023 diventassi io il nuovo curatore di dyd?

IO SONO RKC E SONO FATTO DELLA STESSA MATERIA DI CUI SONO FATTI GLI INCUBI.......
IT BEGINS......08/09/2012

http://it.wikipedia.org/wiki/Sacello


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 8:48 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio set 24, 2020 1:51 pm
Messaggi: 66
rkc ha scritto:
Emozionalmente e per come vivo io un certo personaggio questa storia andrebbe cancellata dal mondo dylaniato e dimenticata....oggettivamente ti incolla dalla prima all ultima pagina con dialoghi sublimi ed echi a mercurio poi e altre opere...ho voluto anticipare queste emozioni prima della video recensione in quanto non so se voglio strangolare Bilotta sul posto o consegnarli d ufficio la completa dirigenza di Dylan dog....


Ciao Gianluca, dipende se si vuole vedere Dylan Dog come un personaggio dei fumetti o un'icona del fumetto italiano.

Quando hai un vaso a casa che è molto importante per te ma che è invecchiato e pieno di crepe puoi fare due cose: o lo spacchi, lo butti e ne ricompri una copia "moderna" (difficile da trovare uguale) oppure lo puoi abbellire utilizzando l'oro per saldare i frammenti come nel Kintsugi e valorizzarlo ancora di più.

La prima scelta è una personale metafora per l'approccio Recchioni (Meteora+666+Reboot) mentre la seconda per l'apporccio Bilotta (Pianeta dei Morti). Io da amante dei primi 121 numeri (diciamo così) amo quello che Alessandro sta facendo. Sta creando un "espansione" del Dylan Dog di Sclavi con una cura maniacale e tanto amore per il personaggio e per il suo inventore, riprendendo tante tematiche e personaggi che erano finiti nel dimenticatoio.

Il problema della trasformazione di Dylan Dog a icona è stata la rigidezza sul toccare lo Status Quo dei personaggi. Questo numero sconvolge ancora di più rispetto agli altri numeri del Pianeta perchè invece del futuro, viene raccontato il passato di un personaggio storico in maniera adulta, viscerale, senza la "rassicurazione" che alla fine dell'episodio tutto torni come prima. Bilotta ci dà una chiave di lettura diversa che impatterà la nostra visione di quel personaggio, ogni volta che rileggeremo le storie di Sclavi (ma anche le storie di altri autori). A me questo piace tantissimo, perchè non voglio sentirmi rassicurato, ma voglio sentire quel senso di scoinvolgimento quando chiudo l'albo.

Inoltre leggendo i numeri del Pianeta ho la voglia immediata di rileggere quelli di Sclavi, anche per ripassare le tante cose che vengono riprese in questa saga. Per esempio dopo la lettura di questo albo ho subito riletto i
Spoiler!
numeri 7 e 57 per ripassarmi la storia di Vergerus.
Questo lo trovo molto bello, perchè grazie al Pianeta anche le storie di Sclavi vengono riscoperte e rilette in un'altra chiave. Secondo me è questa la vera rivoluzione che si dovrebbe fare alla testata.

Per quanto riguarda invece la scelta fatta per questo personaggio,
Spoiler!
se Groucho è sempre stato nel suo "mondo", non rivelando il suo passato a nessuno, parlando solo per barzellette e addirittura sognarle, un motivo ci sarà. Di certo la comicità bugiarda ed evasiva è stato il suo mezzo per non fare i conti con la realtà. Groucho è un personaggio folle, nel vero senso del termine. E non per questo è un personaggio cattivo, anzi. è umano con pulsioni sessuali e non un angioletto putto, come tanti altri autori invece lo vogliono rappresentare.


Poi personalmente preferisco leggere storie di questo calibro che vogliono raccontare davvero qualcosa, rispetto che vedere Groucho ucciso da un personaggio a caso nel numero 399, vedere la testa di Sclavi decapitata che diventa una cometa, Lupo Alberto che partecipa al matrimonio di Dylan Dog e tutte quelle cose "alla cazzomannaggia", come direbbe il buon Daradda.

Ovviamente questa è una mia opinione.


Ultima modifica di FutureDylan il ven set 24, 2021 10:39 am, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 9:28 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun feb 15, 2021 8:07 pm
Messaggi: 3
Il "The Killing Joke" dell'universo dylaniato

_________________
Amo la narrazione, sia scritta che illustrata.

Link al mio canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCW8B_a ... siwN8VkJjQ


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 1:40 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 29, 2019 12:06 pm
Messaggi: 1906
Località: WENETO
SPOILER
SPOILER
SPOILER


Avete presente "Robin Hood - Il principe dei ladri"? Il fantastico film in cui Kevin Costner è in ogni inquadratura per due ore e venti e in cui invece Sean Connery entra in scena alla fine per venti secondi nei panni di Riccardo Cuor di Leone, senza fare assolutamente nulla?

Ecco, se tanto mi dà tanto, quel film Bilotta lo avrebbe intitolato "Riccardo Cuor di Leone - Re d'Inghilterra". E il biglietto mi è costato sette euro e 40!

Non discuto sul fatto che ci siano dei grandi pregi, ma francamente 150 pagine di niente Dylan (nel senso di personaggio che fisicamente non compare, non nel senso di tematiche dylaniane) e 10 pagine di Dylan mi sembra una sproporzione eccessiva. Tolti due o tre riferimenti potenti alla VERA continuity di Dylan, in particolare l'accenno

Spoiler!
al lavoro di Sybil, che mi è sembrato voler aprire qualche nuovo interessante sviluppo


, e due o tre situazioni in cui ci si possa immedesimare, questa prima lettura mi ha lasciato solo un senso di allungamento di brodo abbastanza noioso.

Sui disegni di Gerasi niente da dire, anche se... Mi è sembrato di vedere... Controllerò meglio! Comunque, assolutamente perfetti per la storia, come sempre negli albi che ho letto di questa saga. In ogni caso, come livello di scrittura e sceneggiatura siamo a livelli che la regolare si sogna, ma cinquanta pagine in meno avrebbero giovato, eccome, e il prezzo è veramente "eccessivo", con tutti i distinguo che questo aggettivo comporta.

In copertina, Mastrazzo come al solito sembra convinto che invecchiare significhi lasciare tutto uguale, e colorare solo di bianco le tempie. No bueno. Al contrario, Gerasi sembra convinto che i cinquantenni abbiano il volto quasi decomposto. In medio stat virtus. Il Dylan dei morti di Casertano era perfetto.

_________________
"You should be ashamed of yourself".
"I am. 24/7".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 4:02 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven dic 01, 2006 2:26 pm
Messaggi: 3770
Località: Empoli
Riprendo il messaggio di FutureDylan, la metafora del vaso rotto e del duplice approccio mi sembra particolarmente centrata. Il modo di approcciarsi di Bilotta al mondo di DyD mi sembra quello al momento più appropriato di tutto il parco autori, tranne qualche eccezione (vedi Porretto e Mericone). Ovviamente Bilotta è un privilegiato, esce una volta l'anno con una storia inserita in un universo che lui stesso ha creato; ma non è forse questa la rivoluzione vera e propria annunciata da Recchioni? La riscrittura di DyD e delle sue origini, il famoso reboot, non passa dalla regolare (che ha subito un vero e proprio attorcigliamento inutile dovuto a meteora&co.) ma dal Pianeta dei morti. Uno dei punti a favori di Bilotta, oltre la periodicità, è che se la fa e se la canta, come si suol dire; non è di poco conto, non ha a che fare con il Rian Johnson che ti scrive "Gli ultimi Jedi" quando tu, J.J.Abrams ti mangi le mani e pensi a come correggere le minchiate nell'episodio successivo (scusate la deriva nerd).
Nel numero 400 Dylan/Recchioni uccide Sclavi per poter togliere la sua ombra dal mondo DYD e al tempo stesso celebrarla. In realtà lo sta facendo proprio Bilotta. Ha preso Dylan, Groucho, Bloch, Wells e li ha piegati al suo volere, ma con rispetto, e con una precisa idea in mente. E cazzo, per me questo è tutto. Non voglio questa qualità sempre, soprattutto in una testata in cui escono molte storie l'anno capita il filler, capita la ciofeca, capita l'albo meh, ma, appunto, "capita". Quello che Bilotta mette sotto un riflettore da stadio e che, fuori dal Pianeta Dei Morti, manca una visione. O meglio, non voglio essere assolutista, questa visione mi ha fatto completamente disinnamorare della testata. Quando una volta l'anno mi capita il Pianeta dei morti sotto mano, oltre a divorarlo letteralmente, mi verrebbe da tirare dei mega bestemmioni (sono toscano, ne ho di variopinti nel carnet) su cosa DyD potrebbe essere e non è più. Non è nostalgia dei bei tempi: è una constatazione di come, dopo 35 anni di vita editoriale, si possa maneggiare con successo un personaggio complesso come Dylan senza ridurlo alla marionetta che vaga nella maggior parte delle storie ad oggi.

Devo dire qualcosa sull'albo in questione? Sono rimasto confuso per gran parte del tempo. Cosa sto leggendo? Chi sto leggendo? Dove va a parare? Ma è stata una confusione piacevole, come quella che mi accompagnava alla lettura del già citato Mercurio Loi, dove le cose accadono, così, senza essere annunciate (mi ricordo Ottone spinto da Tarcisio, passaggio cruciale inserito con una naturalezza e un anticlimax nella storia impressionanti), dove personaggi che ritieni fondamentali non appaiono ma aleggiano e dove vieni preso per mano e tu ti fidi perchè sai che dovunque andrà non rimarrai deluso. E così è stato, almeno per me.

Come Rimatt, anche per me ci sono cose che non tornano, ma al momento mi voglio gustare il sapore che mi ha lasciato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 6:07 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 29, 2019 12:06 pm
Messaggi: 1906
Località: WENETO
SPOILER
SPOILER
SPOILER


Ferme restando le qualità di cui ho parlato prima, vado un po' più nel dettaglio. Sono andato a ricontrollare alcuni disegni di Gerasi ed effettivamente avevo visto giusto già la prima volta. Gerasi, lei mi casca di nuovo sul mazzo (di fiori)!

Arrivo alle pagine 140 e 141, e questa è la situazione che mi trovo davanti:

Immagine


Immagine


Immagine


Immagine


Immagine

Ancora una volta, sempre gli stessi fiori copiati, girati, rovesciati, ingranditi, tagliati... Insomma, tutto pur di non disegnare di nuovo dei cavolo di mazzolini di fiori! Non oso pensare che sarebbe successo se "Margherite" lo avesse disegnato lui!
Siamo in una scena clou dell'albo, senza dubbio, una scena straziante, e Gerasi era così trascinato dal pathos mentre disegna che di sicuro schiacciava CTRLV a ripetizione con gli occhi offuscati da un velo di lagrime...


Tra parentesi, giusto per la cronaca, questo a senso di Gerasi è lo stesso mazzo di fiori delle immagini di prima, stesse pagine, stesse vignette. Ditemi voi se c'è una minima somiglianza:

Immagine

Immagine

Cosa ci rimembra tutto questo? Un fresco ricordo di un paio di mesi fa. Per i fortunati che non avessero letto "Albachiara", questo è come si era regolato Gerasi allora, con tanto di pollice originale di Keanu Coen:

Immagine

Immagine

Quando la smettono, è sempre troppo tardi. Che vergogna...

_________________
"You should be ashamed of yourself".
"I am. 24/7".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 6:24 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio set 24, 2020 1:51 pm
Messaggi: 66
Block -a dieta dal 56- ha scritto:
Riprendo il messaggio di FutureDylan, la metafora del vaso rotto e del duplice approccio mi sembra particolarmente centrata. Il modo di approcciarsi di Bilotta al mondo di DyD mi sembra quello al momento più appropriato di tutto il parco autori, tranne qualche eccezione (vedi Porretto e Mericone). Ovviamente Bilotta è un privilegiato, esce una volta l'anno con una storia inserita in un universo che lui stesso ha creato; ma non è forse questa la rivoluzione vera e propria annunciata da Recchioni? La riscrittura di DyD e delle sue origini, il famoso reboot, non passa dalla regolare (che ha subito un vero e proprio attorcigliamento inutile dovuto a meteora&co.) ma dal Pianeta dei morti. Uno dei punti a favori di Bilotta, oltre la periodicità, è che se la fa e se la canta, come si suol dire; non è di poco conto, non ha a che fare con il Rian Johnson che ti scrive "Gli ultimi Jedi" quando tu, J.J.Abrams ti mangi le mani e pensi a come correggere le minchiate nell'episodio successivo (scusate la deriva nerd).
Nel numero 400 Dylan/Recchioni uccide Sclavi per poter togliere la sua ombra dal mondo DYD e al tempo stesso celebrarla. In realtà lo sta facendo proprio Bilotta. Ha preso Dylan, Groucho, Bloch, Wells e li ha piegati al suo volere, ma con rispetto, e con una precisa idea in mente. E cazzo, per me questo è tutto. Non voglio questa qualità sempre, soprattutto in una testata in cui escono molte storie l'anno capita il filler, capita la ciofeca, capita l'albo meh, ma, appunto, "capita". Quello che Bilotta mette sotto un riflettore da stadio e che, fuori dal Pianeta Dei Morti, manca una visione. O meglio, non voglio essere assolutista, questa visione mi ha fatto completamente disinnamorare della testata. Quando una volta l'anno mi capita il Pianeta dei morti sotto mano, oltre a divorarlo letteralmente, mi verrebbe da tirare dei mega bestemmioni (sono toscano, ne ho di variopinti nel carnet) su cosa DyD potrebbe essere e non è più. Non è nostalgia dei bei tempi: è una constatazione di come, dopo 35 anni di vita editoriale, si possa maneggiare con successo un personaggio complesso come Dylan senza ridurlo alla marionetta che vaga nella maggior parte delle storie ad oggi.

Devo dire qualcosa sull'albo in questione? Sono rimasto confuso per gran parte del tempo. Cosa sto leggendo? Chi sto leggendo? Dove va a parare? Ma è stata una confusione piacevole, come quella che mi accompagnava alla lettura del già citato Mercurio Loi, dove le cose accadono, così, senza essere annunciate (mi ricordo Ottone spinto da Tarcisio, passaggio cruciale inserito con una naturalezza e un anticlimax nella storia impressionanti), dove personaggi che ritieni fondamentali non appaiono ma aleggiano e dove vieni preso per mano e tu ti fidi perchè sai che dovunque andrà non rimarrai deluso. E così è stato, almeno per me.

Come Rimatt, anche per me ci sono cose che non tornano, ma al momento mi voglio gustare il sapore che mi ha lasciato.


Interessante analisi, Block. Per curiosità quali cose non ti tornano sulla storia? (me le puoi mettere dentro uno spolier)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 6:39 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 29, 2019 12:06 pm
Messaggi: 1906
Località: WENETO
Anche per me c'è sicuramente una cosa che non torna, considerando che ci dicono da mesi che dobbiamo considerare solo i dyd fino al numero 69...

_________________
"You should be ashamed of yourself".
"I am. 24/7".


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 7:46 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom giu 02, 2019 10:39 am
Messaggi: 1849
Località: Ἁρμαγεδών
@Keanu
Parere personalissimo? Bilotta sta un po' giocando. Il che è un bene.
Secondo me neanche lui ha un quadro completo e assoluto della situazione. Dove, insomma, tutto questo possa portare alla fine.
Anche Sclavi ai bei tempi giocava, non obnubilato dai sensazionalismi (chiaramente: se parliamo della testata agli inizi c'era solo la voglia di raccontare) e dal dover dimostrare qualcosa a qualcuno, cosa che invece ha soffocato il Rrobe, preso dal dover a tutti i costi imporre la sua leadership, mostrare come DD potesse/dovesse essere sempre sotto i riflettori e amenità simili.

Questo hanno dimenticato i cervelloni nella regolare: il sano gusto di giocare. Quello che conta, per loro, è timbrare il cartellino.
Ormai neanche il fatto di mettere Dylan sotto i riflettori sembra contare più di tanto (V.M. parlava, in altri contesti, di "fase della quiete confusa del post-sbornia", riferendosi in quel caso all'avvicendamento Cave/Cestaros).

Quindi discrepanze di questo tipo (in riferimento al limite del 69), a mio parere, potrebbero pure starci. Sempre che Bilotta non si dimentichi, a un certo punto, che divertirsi e divertire è lo spirito più giusto per affrontare tale percorso :wink:

_________________
Rollbacker di Wikipedia dal gennaio del 2021


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: ven set 24, 2021 7:51 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio set 24, 2020 1:51 pm
Messaggi: 66
Keanu Coen ha scritto:
Anche per me c'è sicuramente una cosa che non torna, considerando che ci dicono da mesi che dobbiamo considerare solo i dyd fino al numero 69...

Keanu, se ti riferisci a
Spoiler!
i riferimenti al primo incontro tra Dylan e Groucho (n 121), la tragedia di Lillie che Dylan vivrà (n 121) e al baule (n 200) penso che queste avventure pre-numero 1 le ritenga canoniche, oppure siano state richieste dalla Bonelli per 'canonicizzare' il tutto. Inoltre in questa storia viene anche citata la professoressa di Groucho che è stata già protagonista in un color fest di Bilotta. Infine anche nello Speciale 31 Dylan Dog parla a Xabaras del loro ultimo incontro/scontro avvenuto sul galeone (avvenuto solo nel numero 100) anche se penso che quella storia verrà rivisitata in quanto non c'è accenno per ora che qui Dylan sia nato nel 1600, e il numero 100 è stata un po' rinnegato da tutti, pure da Sclavi


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: #35/S - Una risata vi resusciterà
MessaggioInviato: sab set 25, 2021 8:34 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven dic 01, 2006 2:26 pm
Messaggi: 3770
Località: Empoli
FutureDylan ha scritto:
Interessante analisi, Block. Per curiosità quali cose non ti tornano sulla storia? (me le puoi mettere dentro uno spolier)


Guarda, mi riservo una seconda lettura per vedere se magari ho capito male alcuni passaggi e poi torno qua :D


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 110 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it